Siderno, sciolto per mafia il consiglio comunale

Mia Immagine

SIDERNO Il Consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a norma dell’articolo 143, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, ha deliberato lo scioglimento del Consiglio comunale di Siderno. Una decisione adottata dopo il lavoro della commissione chiamata a valutare il condizionamento mafioso nello svolgimento dell’attività dell’amministrazione comunale della cittadina reggina. Attualmente l’esecutivo era guidato dall’ex senatore Pietro Fuda.
Inoltre, nella stessa seduta, il Consiglio dei Ministri ha deliberato la dichiarazione dello stato di emergenza in conseguenza degli eventi meteorologici che si sono verificati nei giorni dal 14 giugno al 19 giugno 2018 nei territori dei Comuni di Reggio Calabria, di Bagnara Calabra e di Scilla, in provincia di Reggio Calabria e di Joppolo e Nicotera, in provincia di Vibo Valentia.

L’articolo Siderno, sciolto per mafia il consiglio comunale proviene da Corriere della Calabria.

Mia Immagine